Sentirai la melodia del flauto

Pubblichiamo alcune immagini della Consacrazione di Maria Sfriso e l’omelia tenuta dal vescovo Michele Tomasi.

Consacrazione di Maria Sfriso
Cooperatrice Pastorale Diocesana
Tempio di San Nicolò
5 luglio 2020

Il brano che è stato appena proclamato costituisce la fine del capitolo 11 del Vangelo di Matteo, una lunga risposta di Gesù alla domanda fattagli a nome di Giovanni Battista incarcerato da Erode: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?
Gesù si meraviglia dell’incredulità dei suoi contemporanei, di fronte alla vita e alle parole del Battista e soprattutto di fronte a quanto Lui stesso ha detto e operato: Tiro, Sidone, persino Sodoma si sarebbero convertiti se avessero visto le opere e i segni fatti da Gesù a Cafarnao, Corazìn e Betsaida, rimprovera il Signore gli abitanti di questi paesi. Sembra quasi che il Signore non riesca a capacitarsi della difficoltà di accoglienza della Parola di Dio, in una forma o nell’altra, dell’indifferenza dei suoi contemporanei, paragonati a dei bambini, cui sono state suonate melodie differenti senza riuscire né a farli danzare, né a commuoverli: Giovanni era troppo austero, Gesù addirittura, per loro, un mangione ed un beone. Di che cosa avevano bisogno? E poi, dopo questa dura invettiva, ecco prorompere, sorprendente, la lode e l’invito al riposo che abbiamo sentito.
C’è chi ha accolto il Vangelo, c’è chi si è lasciato toccare dalla vita e dall’annuncio del Battista. Dalla vita e dall’annuncio di Gesù. Non sono i dotti, non i sapienti. Non quelli che avrebbero avuto gli strumenti a disposizione per capire, per comprendere, per vedere quanto bene, quanta verità, quanta novità di vita vi era nelle parole e nelle opere di Gesù.
Questi sapienti e questi dotti avrebbero potuto vedere e rendersi conto di quanto la proposta di Gesù avrebbe fatto bene alle persone e alla società nel suo complesso, avrebbero potuto leggere ed interpretare le Scritture e la tradizione di Israele e vedere in esse l’orizzonte della venuta del Messia Gesù – non era in fondo quanto ha fatto il Risorto nel cammino assieme ai discepoli di Emmaus? – ma non si sono lasciati toccare né la mente né il cuore, sono rimasti distanti, chiusi nel proprio mondo. Forse la loro sapienza e dottrina – che diventavano anche influenza religiosa, sociale, politica – li aveva resi autosufficienti, il mondo della loro interpretazione per loro era ampio abbastanza. Forse non avevano davvero bisogno di qualcuno che li liberasse, che desse loro significati nuovi, orizzonti nuovi, vita nuova. Forse non avevano davvero bisogno di un Messia. Qui entrano in gioco “i piccoli”. Loro hanno colto la novità, la ricchezza, la bontà e la bellezza di quanto Gesù aveva portato. A loro il Padre, nella sua benevolenza, ha rivelato la profondità del suo amore per loro, manifestata in Gesù il Messia, e loro l’hanno colta. L’hanno colta perché ne avevano bisogno. Perché l’orizzonte stretto della loro vita premeva su di loro, perché sentivano con urgenza di non essere autosufficienti, perché non c’era nessun altro che venisse da loro – proprio da loro, non sembrava quasi vero – a dimostrare che erano voluti, pensati, amati.
Tutto è stato dato a me dal Padre mio. Nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo”: non è che Gesù decida di rivelare il Padre e la via verso di Lui a qualcuno negando ad altri questa possibilità. Il Vangelo non ci presenta una teoria dell’annuncio, o una teologia della rivelazione. Il Vangelo “suona il flauto” od “intona un lamento”. Il Vangelo è una musica che vuole arrivare al cuore e che dal cuore risale e diventa pianto, riso, gioia, danza. I piccoli del Vangelo si sono lasciati toccare il cuore, la Parola è diventata la melodia che li ha fatti rialzare, e muoversi, e danzare. Non avevano schermi, ostacoli barriere, ma soltanto bisogni. Bisogni essenziali per la vita che sono sempre bisogni d’amore. Con la loro danza hanno fatto cantare Gesù: ecco perché la sua risposta alla domanda di chi non sa lasciarsi coinvolgere si trasforma in lode per i piccoli che hanno saputo danzare la vita.
In questa nostra vita, come ha scritto un teologo, “è come se una sala fosse riempita di musica benché nessuno ne conosca esattamente la fonte. C’è nel mondo, per così dire, un campo carico di amore e di senso; qua e là esso raggiunge un’intensità sorprendente; ma è sempre discreto, nascosto, sempre invitante ciascuno di noi ad associarvisi. E dobbiamo associarci se vogliamo percepirlo, poiché la nostra percezione di esso avviene attraverso il nostro amore”.
Ecco allora l’esperienza di coloro che sono stanchi ed oppressi da una vita che talvolta sembra donare davvero poco. Ed ecco il ristoro per la loro vita. Si tratta di un riposo che rinfranca, che tonifica, che dà nuove forze e apre nuove prospettive.
È vivere nell’amore che cambia la vita perché permette di gustare nuova speranza, è volgere lo sguardo d’intorno e trovare altre persone che sentono la stessa musica, che si muovono allo stesso ritmo, che sono parte di una stessa grande armonia. In questo orizzonte che si allarga si incontra anche Gesù che loda per la nostra vita, e si incontra il Padre insieme a Lui e a tutti coloro che fanno la medesima esperienza.
Portare il giogo con Lui significa accettare il dono della sua vita per noi e donarla a nostra volta: sotto il giogo siamo legati a Lui, amiamo con Lui e come Lui, andiamo nella sua stessa direzione. Ci scopriamo finalmente come figli e fratelli e sorelle. Ecco la Chiesa: la comunità dei piccoli che si lasciano coinvolgere dalla bellezza e dalla verità della Parola di Dio, che si lascia trasformare dall’incontro con Gesù, e che – fedele a Lui, legata a Lui – si fa accogliente per tutti.
Cara Maria. Nella scelta dei consigli evangelici accetti di essere una di questi piccoli. La povertà, la castità, l’obbedienza sono limiti che accogli come dono perché hai scoperto l’amore di Dio. Accetti un giogo. Ricevi però in dono di poterti girare – in qualsiasi direzione – e di trovare Gesù, Lui che è “mite ed umile di cuore”. E il giogo sarà “dolce e leggero”. E attingerai sempre nuova forza e gusterai libertà vera. E saprai stupirti della forza dei piccoli e degli umili che incontrerai nel servizio pastorale cui ti dedicherai per sempre in questa Chiesa. Sentirai la melodia del flauto, suonata dal Vangelo di Cristo, che a volte ti porterà a conversione, a volte ti farà cantare e danzare. Potrai scoprire e testimoniare la gioia del Vangelo

+ Michele Tomasi

Consacrazione di Maria Sfriso!

‘QUELLO CHE VUOLE IL SIGNORE LO COMPIE’!!!

È con vera gioia che la famiglia delle Cooperatrici Pastorali Diocesane annuncia che la consacrazione di Maria Sfriso sarà celebrata domenica 5 luglio alle ore 16.00 nella Chiesa di San Nicolò a Treviso.

Contributo 8xmille

iu

Con riconoscenza rendiamo noto che, anche quest’anno, il Vescovo di Treviso ha concesso un contributo di 30.000 euro, derivante dall’8 per mille destinato alla Diocesi, a favore dell’Associazione pubblica Cooperatrici Pastorali Diocesane, al fine di poter sostenere attività pastorali a favore di varie persone e ambiti. In particolar modo le Cooperatrici si prendono cura di un’assistenza spirituale ad anziani, a famiglie e a giovani. Alcune specifiche e mirate azioni pastorali e caritative sono rivolte anche a persone in carcere e a persone che vivono particolari disagi sociali.

Inoltre siamo riconoscenti per aver anche ricevuto un contributo di 30.000 euro a favore della comunità formativa. Le Cooperatrici infatti provvedono alla formazione di ragazze che si sentono chiamate a consacrare la loro vita al Signore nella forma della Cooperatrice pastorale diocesana e a servire la Chiesa diocesana attraverso azioni pastorali rivolte al bene di tutti gli uomini.

Colgo l’occasione per rinnovare il mio e nostro grazie all’ufficio Economato della nostra diocesi.

Cordialmente Maria Marangon

 

Chi ben comincia…

Sembrava una giornata qualunque, anzi un lunedì qualunque, quelli pieni di voglia di rimanere a letto a contemplare il nulla e a pensare a quanto bello è stato il weekend. Invece, già dal mattino presto, pulmini pieni di Cooperatrici, aspiranti Cooperatrici e assistenti delle Cooperatrici viaggiavano gioiosi o addormentati verso una meta comune che avrebbe fatto incontrare tutte queste varietà di personaggi.

Il luogo? Illegio, borgo carnico piccolo e grazioso. Il tempo? Frescura autunnale, giusta!

Come mai Illegio, vi chiederete? Per chi ancora non la conoscesse a Illegio ha sede la Casa di Esposizione Illegio 6che, di anno in anno, racconta un particolare tema attraverso un percorso artistico (se volete avere informazioni questo è il link: www.illegio.it/it/la-mostra). Quest’anno il tema è: Maestri. Maestri d’arte, maestri filosofici, maestri di vita, maestri di scuola, fino a colui che per i cristiani è il Maestro, ovvero Gesù.

E terminato questo viaggio artistico per le Cooperatrici e il relativo seguito sembrava potesse essere giunto il momento di affrontare il viaggio, non più artistico, bensì culinario, ma in realtà i “don” già le attendevano nella vicina chiesa per celebrare insieme la messa.

Nutrito lo Spirito era quindi arrivato il momento di nutrire il corpo, così una distesa di affettati, formaggi, panini, patatine, vini, bibite si era materializzata dinanzi al gruppo affamato che presto aveva divorato il tutto.

Conclusione con caffè e dolce; perché le cooperatrici, quando si parla di cibo, non si fanno mai mancare nulla!!!

Poteva concludersi così questa giornata di compagnia? Certo che no!

Le possibilità erano due: fermarsi al bar del paese, oppure incamminarsi verso la Pieve di San Floriano, qualcuno (non è dato sapere chi) aveva detto: “è una semplice camminata di 40 minuti”!

Illegio 5I più temerari allora si sono diretti verso quella che sembrava essere una “semplice camminata”… proprio semplice non lo era! Ma alla fine tutti i “temerari” sono arrivati in cima, con qualche lamento, con qualche sosta, con tanto sudore e con tante risa sono riusciti a raggiungere la cima del monte Gjaideit e visitare l’interno della pieve che una giovane guida ha illustrato.

La via del ritorno è sempre più breve, non so se lo sia stato per tutti i camminatori, comunque l’intero gruppo si è, infine, riunito a coloro che il monte lo avevano visto da un’altra prospettiva: dai piedi.

Ricompattati e ben rifocillati Cooperatrici, aspiranti Cooperatrici e assistenti delle Cooperatrici hanno lasciato quel borgo (che sembra aver ritrovato una nuova pace, dopo la partenza di quel gruppo, non così silenzioso) per fare ritorno nei vari angoli della diocesi trevigiana.

Una giornata di condivisione, di cultura, di gratuità, di relazione e di divertimento!

Sembra che anche per quest’anno la gita di “inizio” anno, che coincide con l’inizio della comunità formativa e con la ripresa o l’inizio di servizi diocesani e parrocchiali, sia andata bene e, si sa: chi ben comincia, è a metà dell’opera!

“Rallegratevi con me…”

Elena“Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta” (Lc 15,6)

“La santità non ti rende meno umano, perché è l’incontro della tua debolezza con la forza della grazia” (GE 34)


Le Cooperatrici Pastorali Diocesane, la comunità formativa e la famiglia annunciano con gioia la consacrazione al Signore nelle mani di sua eccellenza mons. Gianfranco Agostino Gardin, vescovo di Treviso, di Elena Zanin, Cooperatrice Pastorale Diocesana.

Domenica 7 aprile 2019 alle ore 16.30 nella chiesa Cattedrale di Treviso.

FRAGILE… maneggiare con cura

 

Fragile

Le Cooperatrici pastorali diocesane e l’Azione cattolica diocesana propongono due incontri per esplorare il tema della fragilità, per giovani dai 18 ai 35 anni.

Insieme vogliamo ricordarci che… ogni fragilità nasconde un tesoro.

Venerdì 10 maggio, ore 20.30-22.30: “Abbiamo questo tesoro in vasi di creta”. Un viaggio attraverso le diverse forme di fragilità.

Domenica 12 maggio, ore 17.00-19.00: “Mi vanterò della mia debolezza”. La fragilità è preziosa. Dialogo e musica con il cantautore Francesco Dal Poz nell’ambito del progetto Cara SLA.

 

Gli incontri si svolgono nella sala parrocchiale di Santa Bona, accanto alla chiesa in via Santa Bona Nuova.

Vi chiediamo gentilmente di comunicarci la vostra presenza via sms o whatsapp scrivendo a Sabina (Cooperatrici pastorali diocesane) 349 2259411 o Giulia (Azione cattolica) 349 8738497.

Scarica da qui il volantino:Fragile maneggiare con cura

 

 

Diocesane nella Chiesa di oggi: originalità ministeriale?

Print

2° incontro diocesane – Desenzano del Garda 23 febbraio 2019

Ausiliarie diocesane di Milano, Cooperatrici pastorali diocesane di Treviso, Cooperatrici ecclesiali diocesane di Vicenza e Collaboratrici apostoliche diocesane di Padova… A un anno dalla felice esperienza del 1° incontro, proseguiamo la nostra condivisione e il confronto tra noi: ci incontreremo sabato 23 febbraio per riflettere insieme sul nostro “proprio” ministeriale.

Il cammino continua!

Contributo 8 per mille

iu

Con riconoscenza rendiamo noto che il Vescovo di Treviso ha concesso un contributo di 30.000 Euro, derivante dall’8 per mille destinato alla Diocesi, a favore dell’Associazione pubblica Cooperatrici Pastorali al fine di poter sostenere attività pastorali a favore di varie persone e ambiti. In particolar modo le Cooperatrici si prendono cura di un’assistenza spirituale ad anziani, a famiglie e a giovani. Alcune specifiche e mirate azioni pastorali e caritative sono rivolte anche a persone in carcere e a persone che vivono particolari disagi sociali.

Inoltre siamo riconoscenti per aver anche ricevuto un contributo di 30.000 a favore della comunità formativa. Le Cooperatrici infatti provvedono alla formazione di ragazze che si sentono chiamate a consacrare la loro vita al Signore nella forma della Cooperatrice pastorale diocesana e a servire la Chiesa diocesana attraverso azioni pastorali rivolte al bene di tutti gli uomini.

Colgo l’occasione per rinnovare il mio e nostro grazie all’ufficio Economato della nostra diocesi.

Cordialmente Maria Marangon

Bello da morire!

Volantino Bello da morire

L’Azione Cattolica e le Cooperatrici pastorali diocesane propongono due serate sulla bellezza, a partire dalla realtà dello sguardo, per giovani dai 19 ai 30 anni.

Dallo sguardo su noi stessi alla profondità dello sguardo di Gesù.

Giovedì 3 maggio – Specchio delle mie brame? La bellezza nello sguardo

Giovedì 17 maggio – L’amico ritrovato. La bellezza in Gesù


Info: segreteria AC 0422-576878

Comunità Cooperatrici Pastorali Diocesane 339 1584385

mail: dueseremaggio@diocesitv.it

www.cooperatricipastorali.it; www.pastoralegiovanile.it

Gli incontri si terranno dalle ore 20.30 alle ore 22.30 nella sala parrocchiale di Santa Bona di Treviso (Via Santa Bona Nuova – accanto alla Chiesa).

La partecipazione è libera. È necessario tuttavia comunicare la propria adesione, per motivi organizzativi, tramite mail, specificando nominativo, parrocchia di provenienza ed età a: dueseremaggio@diocesitv.it

Volantino Bello da morire retro